Moduli per lo scambio dati/moduli di rete

Questo gruppo di moduli consente lo scambio dati con diversi sistemi di controllo. La vasta offerta di moduli permette un incremento di efficienza attraverso la raccolta e gestione delle varie informazione riguardanti la produzione.
Una rete industriale di tipo aperto, basata su Ethernet, provvede alla comunicazione continua tra il sistema IT e il livello di produzione.
Dotato di interfaccia duale onboard, che permettono un utilizzo come modulo di rete Ethernet generico o CC-Link IE Field.
Una rete di controllo distribuita altamente affidabile, che permette la comunicazione con grandi quantità di dati (128 k word) e una velocità di trasmissione dati di 1 Gbit/s tramite una topologia ad anello ridondante con cavi in fibra ottica.
Una versatile rete basata su gigabit Ethernet, che collega unità di controllo, controllori di sicurezza, I/O remoti e Motion Control in una flessibile topologia di cablaggio a stella, anello o lineare.
Una rete di controllo I/O ad alta velocità assolutamente affidabile e deterministica, con ridotto cablaggio e compatibilità con numerosi prodotti di diversi fornitori.
Le unità seriali possono essere collegate con una velocità di trasmissione fino a 230,4 kbit/s per canale.
AnyWireASLINK è una rete a livello di sensori, che grazie alla semplicità di connessione I/O, richiede minor spazio per l'installazione, riducendo i cablaggi.
PROFINET è uno standard di comunicazione per Ethernet industriale, sviluppato per acquisire dati e controllare impianti industriali. Il principale vantaggio è la trasmissione di dati in tempi rapidi.
PROFIBUS, introdotto alcuni decenni fa, è uno standard per la comunicazione fieldbus nel campo dell’automazione.
CANopen è un protocollo di comunicazione e un profilo per l’automazione di macchine. Trova impiego in ambiti differenti, come ad es. nei sistemi medicali, nell’elettronica navale, in applicazioni ferroviarie o nell’automazione per edifici.
Guided Operator Solutions
a lean strategy in human mistake prevention
a lean strategy in human mistake prevention